I vari tipi di pavimenti

Sono tante le tipologie di pavimenti, essi si suddividono in duri, resilienti, in legno e la moquette. In particolare i pavimenti duri comprendono: marmi, graniti, pavimenti in cotto, ceramiche, gres, klinker, pietra serena, cemento. Invece i pavimenti resilienti includono: i pavimenti di gomma, di linoleum e pvc.

I pavimenti di pietra

Una particolare tipologia di pavimenti è rappresentata anche da quelli di pietra, spesso si sceglie per pavimenti e rivestimenti in pietra, tra due diverse tipologie di pietre che il mercato offre:

  • le pietre a base di gesso;
  • le pietra in terra cotta, in cemento o in pietra ricostruita.

Tra i due materiali, esistono grandi differenze, oltre che nella composizione anche nella lavorazione e nell’applicazione.

Le pietre a base di gesso e in terra cotta

Le pietre a base di gesso vengono impiegate soprattutto per realizzare superfici interne di un’abitazione.

Le pietre in terra cotta invece vengono generalmente impiegate sia per gli ambienti interni sia per quelli esterni.

Rivestimento in pietra artificiale

A seconda del tipo di pietra scelta si dovrà scegliere anche per una diversa tecnica di posa, ma anche per impiegare prodotti specifici, diversi per ciascun tipo di superficie.

Per posare le pietre sottili e leggere sarà necessario procedere dall’alto verso il basso, così da non dover reciderle sotto il soffitto, dove sono particolarmente in vista, ma per le pietre pesanti, la posa sarà realizzata dal basso procedendo verso l’alto. Così, sarà necessario l’impiego della colla direttamente sulla pietra come pure sul supporto da rivestire, perché il peso non potrebbe andare a garantire la presa.

Come tagliare le pietre

Se si sceglie una pietra naturale occorre effettuarne il taglio che viene generalmente effettuato mediante tecniche industriali, invece per i piccoli ritocchi è possibile procedere mediante mezzi più semplici.

Errori da evitare prima della posa delle pietre

Prima di effettuare la messa in posa delle pietre bisogna verificare la natura del fondo per non rischiare che possa venir via e che quindi non supporti il peso delle pietre. Questo può accadere se ci sono:

  • supporti verniciati;
  • supporti realizzati con stabilitura
  • supporti premiscelati
  • supporti realizzati con collante spalmato solo in superficie
  • supporti termoisolanti.

Come preparare bene il supporto

Innanzitutto si ci deve assicurare che il supporto sia ben asciutto, portante, liscio, senza polvere, muschi o residui, così da permettere l’aderenza delle pietre. E’ quindi necessario la valutazione della natura del supporto e rispettare delle indicazioni. Nello specifico se il supporto è già ricoperto di piastrelle oppure placche di gesso, bisognerà levigare la superficie prima della posa delle pietre. Inoltre, se è ricoperta una superficie in cemento bisognerà inumidire la porzione da rivestire permettendo così una buona aderenza al rivestimento in pietra.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *